giovedì 19 novembre 2009

Social CRM - Concept, Benefits and Approach to adopt

Il Social CRM è il primo vero step di applicazione concreta del Web 2.0 ...abbatte i costi e rende efficaci le interazioni clienti-aziende, oppure cittadini-amministrazione pubblica (Dion Hinchcliffe: Using social software to reinvent the customer relationship).


Social CRM - Concept, Benefits and Approach to adopt

mercoledì 21 ottobre 2009

Internet advertising appears to begin its comeback

Oct 20, 2009 8:25 PM By MICHAEL LIEDTKE, AP


After bogging down in the recession, Internet advertising is regaining the momentum that has made it the decade's most disruptive marketing machine. The signs of an online revival are emerging even while advertising in print and broadcasts remain in a slump that has triggered mass layoffs, pay cuts and other upheaval.
Internet advertising was just about the only bright spot in the third-quarter reports of two major newspaper publishers, Gannett Co. and McClatchy Co. Meanwhile the companies still are dealing with steep declines in print ads - an imbalance most analysts predict will take years to address. The harsh reality is that much of the advertising in long-established media, particularly in the classified sections of newspapers, will never rebound to pre-recession levels, said Lauren Rich Fine, a longtime media analyst who is now a professor at Kent State University.
That grim outlook contrasts with the fact that advertisers are increasingly allocating more of their budgets to the Web. That's where their customers are spending more of their free time. On top of that, Internet ad rates are less expensive, and the returns on online ad investments are easier to quantify. Even when they buy time in other media, advertisers are realizing they need to be promoting their wares on the Internet too.
"You can draw a straight line from the time when people hear an ad on the radio or television to when they search for that company on the Internet," said David Karnstedt, chief executive of Efficient Frontier, which helps manage ad campaigns on search engines. These trends will give Internet advertising 19 percent, or nearly $87 billion, of the worldwide ad market in 2013, up from just 4 percent, or about $18 billion, in 2004, according to PricewaterhouseCoopers and Wilkofsky Gruen Associates.
That would make the Internet the third-largest marketing medium. Television is expected to remain on top, with $168 billion, or 36 percent of the global ad market in 2013, up from 35 percent in 2004. Newspapers would still be No. 2, but their $92 billion in advertising revenue is projected to account for 20 percent of the global ad market, down from 28 percent in 2004. For now, though, some types of Internet advertising - real estate, travel and help-wanted, in particular - remain in the funk they fell into in the first half of the year, when U.S. ad revenue on the Web fell 5 percent. (That was still far better than the 12 percent to 29 percent declines suffered by U.S. newspapers, radio stations and television broadcasters.)
David Hallerman, a senior analyst at eMarketer, thinks it's too early to conclude the entire Internet advertising market is on the upswing. "It's more like the patient had a 105-degree temperature and now it's down to 100 degrees," he said. EMarketer expects Internet ad sales in the U.S. to fall by nearly 3 percent in the second half of this year, slightly less than in the first half. The research firm expects a 6 percent increase next year followed by a 7 percent gain in 2011. The most compelling evidence for an online recovery is being made by Google Inc., whose search engine powers an online network that has grown from $411 million in worldwide ad revenue in 2002 to more than $22 billion annually now. The company's ad revenue rose 7 percent in the third quarter, the fastest pace so far this year, and Google's executives indicated they are gearing up for even more rapid growth in the months ahead.
Google could be an anomaly because its specialty - selling ads tied to online search requests - tends to be the last thing cut from marketing budgets and the first thing to attract more money in the early stages of a recovery. The reason: Search requests have proven to be a highly effective way to identify consumers shopping for a specific product or service. And the ads typically cost advertisers only when the links are clicked on.
For instance, a Google ad tied to a search request containing the word "shoes" currently costs about $6.80 per click, while an ad generated by a request with the term "car parts" costs just 48 cents per click. Buying ads in major newspapers or on TV can easily cost thousands of dollars with no assurance the investment will deliver customers.
Besides the Internet's lower prices, the Web's tracking technologies make it easy to measure whether a search ad campaign is yielding adequate sales to justify the expense. If their online spending isn't paying off, advertisers typically can pull the plug more quickly than in print and broadcast, which often require financial commitments that last several months.
The greater flexibility online makes it easier to gauge the mood of consumers by buying Internet search ads before ramping up spending in other areas, Fine said. "I think a lot of (advertisers) are experimenting right now, hoping they can stimulate a little more demand," she said. "Some of this could be wishful thinking."
It might take longer to see an ad rebound at Yahoo Inc., which runs the Internet's second-most widely used search engine. Yahoo's forte is "display advertising" - online billboards and other more visual forms of marketing. Companies still seem reluctant to spend on those more elaborate campaigns, partly because they tend to be more expensive and not as well-aimed as search ads. The reticence is the main reason Yahoo reported its third-consecutive quarterly decline in ad sales Tuesday. Yahoo's ad revenue fell 12 percent after declining 13 percent in the first half of the year.
Even so, Yahoo isn't being hit as badly as newspaper publishers; McClatchy's print advertising, for instance, plunged 32 percent in the third quarter. Its online ad sales, on the other hand, increased 3 percent.

Copyright 2009 The Associated Press.

giovedì 3 settembre 2009

Search Engine Web versus Social Network Web

Dal protocollo ip all'individuo - Da http://www.denaro.it/

Il web si va configurando come un sistema di relazioni slegato dai numeri - Carmine De Falco e Tonino Ferro

Mark Zuckerberg, alias "mister Facebook", rilascia questo mese al giornalista Fred Volgestein, per Wired, un'intervista che ha il potere di schiudere gli occhi sul futuro di internet.

"Apertura", è la parola chiave del pensiero del numero uno di Facebook. E (letteralmente) "terra a terra", il tipo di approccio con il quale confrontarsi nella nuova arena globale: è finita l'era dei mediatori e lo sviluppo del social network più famoso al mondo, dichiara Zuckerberg, va nella direzione dell'utente che condivide, che crea rapporti, a partire da un solo account, con un numero potenzialmente illimitato di persone.

La chiave della questione sembra questa: come migliorare le possibilità di connessione dell'utente. Per fare in modo che valga l'equazione: più persone connesse uguale più contenuti condivisi. Attenzione su questo punto in apparenza banale, perché scardina ogni rapporto utilitaristico e filosofico tra utente e contenuto stesso.

L'esperienza di Facebook dimostra, dice Zuckerberg, che "il numero di informazioni che la gente sta condividendo proprio ora cresce molto più velocemente del volume di blog e siti 'aperti' del web". Leggi: i siti e i blog sono gestiti da persone che filtrano informazioni; non ci son un produttore dell'informazione e un consumatore interessato.

Rimane in mezzo il blogger o il giornalista. I numeri spiegano meglio delle parole, e tolgono i lettori dall'imbarazzo del dubbio: su Facebook si caricano un miliardo di foto al mese e ci sono un miliardo di contenuti condivisi a settimana. Quale contenitore di conenuti può competere? Silenzio.Le dichiarazioni del sorridente ragazzone americano e le contromosse del gigante Google unite al desiderio di Microsoft di colmare il gap sul mercato dei motori di ricerca e dei servizi web, fanno pensare ad un'imminente guerra tra due mondi contrapposti:

- web "social network oriented"
- web "search engine oriented"

Già dalle parole si coglie la grande differenza, da un lato c'è la rete e il sociale, dall'altro un motore che rimanda alla meccanica. Sono diversi i fattori che spingono verso la nuova era, dal motore/algoritmo all'uomo/relazione, dalla dimensione logico-matematica alla dimensione semantica, dalla "scrivania" al mobile.

Il primo passaggio presuppone una navigazione non più anonima o associata ad un i.p. numerico, ma l'ingresso in rete di un individuo tramite piattaforme di gestione "universale", ovvero una sorta di "meta-social network" capace di organizzare da un unico account più profili di uno stesso utente (vedi friend feed).

Il secondo passaggio, la vera rivoluzione del web che verrà, permetterà, riconosciuta l'identità dell'utente, di proporre sullo spazio virtuale del web, una serie di contenuti, audio, video, informativi, elaborati sulla base delle attività e degli interessi reali, e non su algoritmi logico-matematici.

Il terzo passaggio, riguarda l'affermazione dell'internet mobile, ovvero la possibilità di navigare e di essere così costantemente connessi dal proprio cellulare (sempre più ricco di funzioni, rapido, e interattivo).

In sintesi, il web sarà personale, portatile, condiviso, relazionale e potenzialmente sempre "on".

Facile immaginare come tutto ciò comporterà un'ennesima e ulteriore rivoluzione cognitiva, che stravolgerà completamente l'attuale scenario dei media.

domenica 26 luglio 2009

Continuous Integration as solution in Economic Meltdown?

Ognuno ha la sua vision ma la costante di questa fase economica è che quasi tutte le aree tecniche IT sono focalizzate... sui budget disponibili!!!
Budget che sono oggi, ancor di più che nel passato, il vero driver di ciò che è possibile fare o non fare…
“In economic meltdown CFO is a CIO!!!” e mai come adesso, in qualsiasi realtà, forse questo è vero!!!
L'economic meltdown probabilmente sarà la tomba di ciò che si è già rivelato inefficace nel corso degli ultimi anni ... Le rigide modalità organizzative dipartimentali (anni ‘80) che “generano” solo conflitti di competenze (e questo lo sapevamo già bene!)... spazzate via quindi...
Ma spazzato via ugualmente anche il modello (anni 2000) su cui si erano riposte invece molte speranze di Creative Software Factory ….
Modello, quest’ultimo, che ha mostrato la corda purtroppo per profitti troppo bassi o inesistenti ...rispetto ai costi di un sostanziale R&D in continuum
Qualcosa del genere fanno gli americani ma loro hanno l'esperienza consolidata dei Venture Capitalist... un "concreto" R&D che in Europa ammettiamolo ... nessuno sa veramente fare... nè il Pubblico nè il Privato...
Purtroppo altri modelli consolidati al momento non sono in vista, li stanno cercando tutti del resto.
L’unica cosa che forse si può fare, secondo le best practices raccomandate, almeno per le aree di competenza tecnica, è di avvicinarsi il più possibile alle esigenze di:

a) Time to market
b) Business Continuity

In sostanza velocità di implementazione e stabilità di piattaforma.
Gli unici modelli architetturali compatibili per gestire entrambe queste esigenze sono forse quelli della Continuous Integration & Perpetual Beta ... Anche perchè consentono di comprimere, (perchè gestiti in modalità automatica!!!) i costi di ruoli diversificati (tester, operation, management, software developer).



Sono modelli verso cui ogni giorno converrebbe ruotare pian piano le piattaforme ed infrastrutture software.

Sulle discipline di project management anche lì c’è profonda evoluzione in corso ed il profilo di PM&Manager tradizionale, mero pusher & dispatcher di attività, sta mostrando definitivamente la corda anch’egli…
Anzi si sta sempre di più facendo strada il modello di riferimento di PM&Manager a forte valenza tecnica … con competenze di business ed attenzione ai costi, ai profitti ed ai budget….
Sono questi PM quelli ideali per essere connector tra le aree tecniche e di business e sono questi profili i veri catalizzatori di attività e fatturati per le aziende.
Con questi profili difficilmente sorgono problemi di efficienza ed efficacia delle strutture … perché si tratta di Manager che hanno già dimostrato sul campo, ed a tutti i team coinvolti, di essere tecnici ed esperti di business allo stesso tempo…

 
Extension Factory Builder